3 elementi per una bella e divertente lezione di yoga con i bambini ( ovvero l’importanza di dare delle regole)

All’inizio di un percorso di yoga, che sia in un corso privato oppure in ambito scolastico, è molto importante chiarire subito con i bambini che nel tempo e nello spazio dedicato allo yoga è fondamentale la collaborazione di tutti ( certo bambini, anche la vostra!) per divertirci e “imparare” tante belle cose.
Per questo vengono stabilite delle regole. Poche, ma precise.

Leggo dal libro “Piccolo Yoga” di Clemi Tedeschi:
Per ottenere questi risultati è necessario rispettare un patto, il patto del silenzio. Le posizioni e i giochi che faremo sono molto divertenti, ma richiedono concentrazione. Vi è mai capitato di fare qualcosa di difficile, di tenere molto al risultato e di non riuscire perchè siete stati disturbati?
Perciò dobbiamo trovare un accordo tra noi, dei segnali per stabilire quali sono i momenti in cui è necessario il silenzio totale e, poi, in tutti i giochi esistono regole da rispettare.
Ecco tre cose che vi aiuteranno: un suono, una posizione e un gesto un po’ magico”.

Un suono: entra in gioco uno strumento molto bello e particolare: la campana tibetana…

Ogni volta che nel corso della lezione è il momento di ascoltare le istruzioni di un’attività, l’insegnante dà solo un colpo di campana tibetana. I bambini sapranno che è il momento di fermarsi, di raggiungere i rispettivi tappetini e mettersi in …

una posizione: la posizione dell’ascolto

Può essere la posizione facile a gambe incrociate oppure per chi è più comodo la posizione del diamante, seduti sui talloni. La posizione è accompagnata da…

un gesto: il gesto dell’ascolto.

Questo gesto completa il patto del silenzio. Si tratta di chin mudra, con il pollice e l’indice chiusi ad anello e le altre dita tese e i palmi delle mani rivolti verso l’alto.

Ora mettiamoci alla prova: farò suonare una musica, balleremo liberamente nello spazio. Quando la musica si fermerà, correremo sui tappetini e, al suono della campana tibetana, ci metteremo in silenzio in una delle posizioni che vi ho fatto vedere, facendo il gesto dell’ascolto. Siete pronti?”

Io credo che ai bambini/ragazzi servano delle piccole regole per poter vivere appieno le loro esperienze. E credo fortemente ( parlo anche da mamma) che le regole, quando sono sane e non esasperanti, indichino ai bambini/ragazzi che noi adulti ci teniamo tanto a loro, che vogliamo loro bene anche se apparentemente la totale libertà risulta più affascinante ai loro occhi.
Che ne pensate?

Yoga per Crescere: il mio corso di formazione

Nel 2017 ho frequentato il corso di formazione per l’insegnamento dello yoga ai bambini Yoga per crescereTM di Aipy ( Associazione Italiana Pedagogia Yoga).

Lo inseguivo da tempo perchè ero convinta che fosse il corso di formazione adatto a me.

Quello che mi ha immediatamente colpito è stato il notevole ventaglio di insegnamenti. Non solo yoga in senso stretto e favole o storie animate dagli asana, non solo giochi di respiro e tecniche di concentrazione  ma anche psicologia dell’infanzia e dell’adolescenza, filosofia indiana, body percussion, educazione all’ambiente e all’intercultura, musica, arte, teatro e tanta tanta didattica. Un approccio pedagogico che mi affascina  e mi coinvolge sempre di più ogni volta che lavoro alla preparazione di un laboratorio.

Materie proposte e condotte superbamente da docenti competenti e appassionati.

La formula su 8 week end mi ha permesso di studiare e interiorizzare man mano ciò che veniva proposto oltre a creare e sviluppare un rapporto di amicizia meraviglioso con le mie compagne di corso che continua ancora con scambi sulle esperienze post-diploma.

La formazione è continua attraverso la possibilità di partecipare a seminari di approfondimento.

Nel corso ” Yoga per CrescereTM” io ho trovato esattamente quello che cercavo: un metodo preciso e quasi rigoroso per poter condurre con sicurezza e competenza laboratori e lezioni di yoga per i bambini. Un metodo rispettoso delle peculiarità dei bambini ( fascia d’età, disabilità, difficoltà di apprendimento o legate alla cultura e alla lingua di appartenenza).

“Yoga per CrescereTM” è un corso che mette al centro il bambino e le sue potenzialità e utilizza in perfetta armonia gli strumenti tradizionali dello yoga e quelli della pedagogia moderna.

Il mio progetto “Honey Yoga” si sta sviluppando su queste solide basi attingendo a piene mani sul materiale “accumulato” in quasi un anno di appunti e dispense, ma soprattutto ispirandosi a ciò che le persone che hanno creato AIPY e “Yoga per Crescere TM” mi hanno trasmesso: l’amore e il rispetto per il mondo dei bambini e dei ragazzi, la passione per i valori che esprimono il rispetto per l’ambiente e l’umanità ( la sostenibilità, l’intercultura, l’inclusione),  l’amore contagioso per un lavoro che ti porta a contatto con i bambini e il loro mondo.

Per questo non finirò mai di ringraziare Clemi Tedeschi, Emina Cevro Vukovic e Rachele Brambilla per la realtà che hanno creato.

Nel 2020 il corso Yoga per Crescere TM sarà proposto nella formula annuale (otto week end di teoria e pratica nelle sedi di Milano da 12 ore, 7 weekend da 14 ore a Bologna e nella formula intensiva estiva in due parti: prima metà dal 6 a l 12 luglio (50 ore) e seconda metà dal 13 al 18 luglio (50 ore) a Sottomarina di Chioggia in collaborazione con SANGAT.