24 dicembre: la posizione dell’ape che riposa

24 dicembre: la posizione dell’ape che riposa

Dicembre 24, 2020 0 Di Catia

E dopo tanta pratica, tanto movimento, gioco e respiro… ora ci riposiamo.
La posizione di questa Vigilia di Natale 2020 è proprio quella del riposo.
In sanscrito questa posizione si chiama SHAVASANA ( letteralmente posizione del cadavere) ma che bello chiamarla posizione del corpo che galleggia oppure posizione del dolce far niente. In ogni caso questa posizione sembra facile ma non lo è ( un po’ come la posizione della montagna vi ricordate? Proprio la prima posizione che avevo proposto il 1 dicembre….. un cerchio che si chiude?). Si, perchè sembrerebbe facile stare adraiati, immobili a non fare niente ma è proprio questa la difficoltà che incontrano tanti bambini.

ESECUZIONE:
Siamo supini, con le braccia leggermente lontane dal corpo e i palmi delle mani rivolti verso l’alto. Le punte dei piedi cadono naturalmente verso l’esterno.
Gli occhi e la bocca sono gentilmente chiusi.

BENEFICI:
Questa posizione rilassa l’intero sistema psico-fisiologico. E’l’ideale praticata prima di dormire, prima o tra un’asana e l’altra e in modo particolare dopo esercizi dinamici come un gioco o la pratica del Saluto al Sole.

In questa posizione possiamo far sperimentare ai bambini la respirazione addominale facendo loro imitare il soffio della balena.
Invitiamo i bambini a rimanere per qualche istante in ascolto del loro respiro naturale. Poi li portiamo dolcemente ad osservare come la loro pancia si gonfi quando inspirano e si sgonfi quando espirano. Dopo qualche respiro diciamo loro di inspirare profondamente ed espirando increspare le labbra e lasciare che il respiro uscendo faccia un suono simile a quello della balena che soffia dal suo sfiatatoio. Il respiro è lento e lungo. Facciamo ripetere qualche volta.
I benefici di questa pratica sono quelli rilassanti di shavasana ma in più abbiamo quelli della respirazione profonda. La respirazione addominale è infatti il modo più naturale ed efficiente di respirare. Il corpo e la mente hanno un magigor apporto e assorbimento di ossigeno e avviene una maggiore eliminazione di tossine dal corpo.
Con la pratica la mente e il corpo possono rilassarsi e armonizzarsi velocemente così che migliora il recupero da esercizi o attività stressanti.
( da “Yoga, Educazione per i Bambini” – Yoga Publications Trust, Munger, Bihar, India)