L’importanza del setting nel progetto Honey Yoga

L’importanza del setting nel progetto Honey Yoga

Aprile 17, 2020 4 Di Catia

Mi dà molta gioia e soddisfazione entrare nella saletta yoga e iniziare a preparare il materiale per la lezione con i miei piccoli yogin.
Curare l’ambiente in cui si terrà la lezione è molto importante, sia per la riuscita della lezione che per mettere a loro agio i bambini creando un’atmosfera simpatica e accogliente.
Io sono solita disporre i tappetini in cerchio ( o qualcosa di simile) e mettere in mezzo qualcosa di rotondo ( che richiama il cerchio, una figura geometrica simbolica nello yoga ( il cerchio rappresenta il tutto, l’infinito, tutto ciò che esiste) che può essere un tappeto, un telo ( ne esistono di molto carini in commercio che richiamano la struttura dei mandala) oppure un cerchio di panno lenci, come quello che vedete nella foto…

Io ho mantenuto come elemento costante questo cerchio giallo per tutta la durata del corso (10 lezioni) variando di volta in volta i dettagli a seconda dell’argomento della lezione.
Nell’immagine potete vedere il cerchio decorato con fiori, foglie, rami e farfalle perchè il tema della prima lezione era “Bee-atrix l’ape yogini e il suo amore per i fiori”.
Al centro del cerchio sono sempre presenti il bastone della parola e la campana tibetana anch’essi elementi costanti perchè fondamentali per la lezione come abbiamo visto in alcuni post precedenti…

Se la lezione invece ha come focus l’amicizia tra api e sole ecco che il nostro cerchio si trasforma ( molto meglio se a trasformarlo sono i bambini nel corso della lezione con diverse attività)…

Ho ritenuto importante mantenere questo elemento fisso del cerchio per permettere ai bambini di entrare più facilmente nel magico e meraviglioso mondo delle api. E devo dire che ha funzionato perchè ogni volta, entrati nella saletta yoga i bimbi mi hanno chiesto ” Oggi cosa faremo con Bee-atrix e il cerchio giallo?”.